Chiamaci al 0734 631864 o 337 633950 o manda una mail a info@tiralento.it
English   French

Alfredo Martini, il ct che faceva dialogare i campioni

Alfredo Martini, il ct che faceva dialogare i campioni
aprile 2, 2016 Giuliano Traini

Del ciclismo eroico impersonava la memoria, di quello moderno incarnava la coscienza. Alfredo Martini era un’icona per il popolo della bicicletta, il filo che legava passato e presente, tradizione e avanguardia, una presenza costante nella vita degli appassionati. Una presenza sempre in primo piano, ma mai alla ricerca della facile visibilità. Mai ingombrante, né da corridore e neppure da tecnico. Aveva imparato a stare al mondo (ciclistico) ai tempi di Coppi e Bartali. Facendo lo scudiero di Magni aveva capito che nella vita nulla è precluso, basta crederci e si possono battere anche gli imbattibili. Pedalando in quegli anni di laceranti rivalità aveva imparato ad essere diplomatico, una qualità messa a frutto alla guida della Nazionale, quando far dialogare Moser e Saronni, o Bugno e Chiappucci sembrava più difficile delle trattative fra Usa e Urss per il disarmo. Martini era abituato al dialogo, forse proprio perché aveva vissuto sulla propria pelle la brutalità della guerra. Era stato partigiano e dopo il 25 aprile si era battuto strenuamente perché l’amico Magni potesse tornare a correre, dopo il veto seguito alle accuse di essersi compromesso con il regime fascista.

Alfredo Martini

Alfredo Martini

Da corridore Martini ha vinto poche corse, appena sei, lo stesso numero delle maglie iridate conquistate da ct in 23 anni alla guida dell’ammiraglia azzurra, alle quali vanno aggiunte altrettante medaglie d’argento e otto di bronzo. E lo scorso anno, prima dei Mondiali di Firenze, la squadra azzurra – guidata da Nibali – durante un allenamento ha effettuato una sosta nella sua casa di Sesto Fiorentino: un omaggio al “grande vecchio”, sentito più che dovuto, da parte di quei corridori che, recuperando quei valori incarnati da Martini, stanno faticosamente cercando di dare una nuova credibilità al ciclismo.

 

Foto tratte dal libro Alfredo Martini racconta un secolo di ciclismo